Preparazione e passione i veri incentivi dell’arbitraggio

Una selezione di arbitri, assistenti e osservatori arbitrali a disposizione dell'organico regionale è stata convocata lo scorso 25 e 26 aprile, ad Enna, per preparare e affrontare nel migliore dei modi il finale di Stagione, che come sempre, si preannuncia intenso e acceso. Accolti dal presidente del Comitato Regionale Arbitri Michele Cavarretta e da tutta la Commissione, il gruppo che sarà impegnato nelle gare finali dei Campionati di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria, ha affrontato due giornate di lavori e attività, iniziate con i test atletici svolti da arbitri e assistenti al palazzetto dello sport. Poi, tutti in aula per i test tecnici e i video, seguiti e coordinati da Vincenzo Meli, responsabile dell’Area Formazione, Modulo Perfezionamento tecnico e valutazione tecnica, del Settore Tecnico.

Numerose le attività che si sono susseguite nel corso del raduno: dall’analisi al dibattito sui video estrapolati dalle gare dirette dagli associati convocati, con approfondimenti accurati “step by step” di Meli e Cavarretta e con interventi degli altri Componenti Regionali, ciascuno per le proprie specializzazioni; in particolare è stata approfondita l’importanza della suddivisione dei compiti, l’attenzione da riporre nelle determinate circostanze, sulla prevenzione, il posizionamento, la giusta attenzione anche a dettagli apparentemente trascurabili, che uniti ai consigli che la Commissione ha impartito, permetteranno la risoluzione di momenti e gare oggettivamente complesse o dal contesto molto teso.
Significativo e notevole è stato l’incontro con il Presidente della Lega Nazionale Dilettanti regionale Santino Lo Presti, e i dirigenti delle società sportive siciliane, durante il quale è emersa la ferma volontà di instaurare un dialogo sul regolamento e l’apertura fra le parti, affinché sia possibile conoscersi meglio, e apprendere una serie di sfaccettature che le società non conoscono del mondo arbitrale, anche per prevenire episodi di violenza.
“A livello statistico la violenza sui campi è perpetrata soprattutto dagli addetti ai lavori – ha sottolineato Cavarretta – ed è riprovevole il fatto che la maggior parte di queste aggressioni avvenga proprio in territorio siciliano, consapevoli che la nostra è una regione particolarmente difficile, ma quando vuole e s’impegna riesce ad essere esempio di correttezza e di straordinaria forza di volontà e passione”.
Anche gli arbitri e gli osservatori del Calcio a Cinque la settimana precedente, sempre ad Enna e nella stessa struttura, erano stati convocati dal responsabile regionale Antonino Ignazzitto, con la presenza del Presidente Michele Cavarretta, che segue con particolare attenzione anche questa disciplina, e per il Settore Tecnico Andrea Liga e Vito Di Paola. 
“E’ proprio la passione – ha concluso il presidente Cavarretta – il vero motore che porta i ragazzi a intraprendere trasferte chilometriche e a dirigere gare in ‘campionati e campi caldi’, senza che vi sia un adeguato riconoscimento da parte di tutte le componenti; l’errore è sempre perfezionabile e ogni lacuna è colmabile, grazie alla costanza, alla studio, ai sacrifici di ciascuno e agli apporti motivazionali e di esperienze e competenze che questo tipo di raduno offrono”.