Il Presidente Nicchi alla cerimonia di fine stagione

La-Conviviale-di-Marsala

Continua il tour de force del Presidente Nicchi, che lo porta senza sosta da un capo all’altro dello Stivale in visita alle Sezioni. Domenica 12 giugno il Presidente è stato a Marsala, dove nel chiostro dell’ex monastero del Carmine, oggi sede di rappresentanza della Città lillibetana e dell’Ente Mostra di Pittura, ha partecipato alla cerimonia di fine stagione sportiva 2010/11. Tra i numerosi partecipanti anche altri ospiti presenti, e precisamente il Sindaco di Marsala Lorenzo Carini, che ha patrocinato l’evento, il Presidente della FIGC-LND Sicilia Sandro Morgana, il Presidente della Delegazione FIGC di Trapani Toti Ernandez, il Presidente del CRA Sicilia Rosario D’Anna, il componente della CAN D Michele Cavarretta ed i Presidenti delle altre undici Sezioni AIA della regione.

Ad aprire la serata il Presidente della Sezione di Marsala, Biagio Girlando, onorato di avere così tante personalità, che ha tracciato un bilancio positivo al termine dell’annata sportiva per la generale crescita tecnica dei suoi associati e per il rinsaldarsi dei vincoli associativi.

Il Sindaco Carini ha manifestato come sia significativo che il Centenario dell’AIA cada nell’anno in cui si ricordano i Centocinquanta anni dall’Unità d’Italia. E la presenza del Presidente Nicchi a Marsala, Città simbolo dell’epopea garibaldina da cui ebbe inizio il processo unitario con lo sbarco dei Mille, sancisce il legame tra questi due anniversari. Il Sindaco ha altresì ricordato come a breve sarà terminato il monumento a Garibaldi ed ai Mille, che riproduce una nave al cui interno vi sarà anche un’accogliente sala convegni, che potrà senz’altro ospitare altre manifestazioni dell’AIA.

Il Presidente D’Anna, dopo aver ringraziato il Sindaco per la disponibilità accordata all’AIA e certo di poter in futuro partecipare ad altri eventi nel nuovo monumento, ha ribadito come quella marsalese sia una Sezione che ha una gloriosa tradizione, che è in costante crescita grazie ai suoi dirigenti, ed in particolare al suo Presidente, Girlando, le cui doti sono unanimemente riconosciute, tanto che è stato designato dagli altri Presidenti di Sezione a rappresentarli.

Il Presidente Morgana ha riconosciuto l’ottimo lavoro svolto dalla componente arbitrale marsalese e l’assoluta collaborazione con la Delegazione FIGC di Trapani.

Quindi l’atteso intervento di Nicchi, che ha ribadito come l’amministrazione che guida poni particolare attenzione alla periferia, al mondo dilettantistico con le sue quindicimila partite settimanali. “Noi – ha affermato il Presidente – abbiamo un progetto di normalità da riportare nel calcio. Dobbiamo fare sapere chi siamo, far sapere cosa facciamo per farci apprezzare. Ed è importante che anche le istituzioni del territorio, come stasera, ci conoscano: perché la nostra è un’Associazione con 212 Sezioni bellissime sotto tutti i punti di vista. Noi siamo un’Associazione che dà un servizio al calcio. Ma dico di più: non andiamo solo ad arbitrare, ma a far crescere uomini. E per far questo bisogna essere compatti. Siamo portatori di regole e di cultura, perché per arbitrare bisogna conoscere il Regolamento e chi ha la conoscenza è portatore di cultura”. Nicchi ha poi parlato del Centenario, protratto però verso il futuro: “Noi dobbiamo guardare tre cose: il passato che è scritto e verso il quale dobbiamo avere rispetto per tutti coloro che hanno creato l’AIA. Se noi oggi facciamo qualcosa di buono, lo dobbiamo a chi ci ha preceduto, che ha lavorato bene e che ha creato un’Associazione meravigliosa. Poi c’è il presente, che consiste in un’Associazione libera, trasparente e tersa, composta anche da 212 Presidenti di Sezione che sono veri padri di famiglia, da 34.000 associati e da 1.600 donne che hanno ingentilito un ambiente serio che si prendeva troppo sul serio. Infine c’è il domani che costruiremo insieme dove avremo un’AIA che lavora in sinergia con le leghe per migliorare sempre più il calcio; faremo una lotta spietata a colpi di Regolamento contro chi persegue la violenza”. Nicchi termina il suo coinvolgente discorso rivolgendosi ai giovani, dei quali è il futuro, ma che senza l’insegnamento dei grandi vecchi non andrebbero da nessuna parte.

Quindi la consegna dei premi a coloro che si sono particolarmente distinti nel corso della stagione sportiva: miglior talento Simone La Barbera senior, migliore osservatore OTS Giuseppe Pellegrino, migliore osservatore OTS C5 Antonino Fiocca, l’associato maggiormente distintosi all’OTR l’assistente Nicola Parrinello, miglior arbitro OTS C5 Giovanni Guzzo. Altri riconoscimenti a chi ha effettuato l’esordio in categoria superiore: Giovanni Figuccia (Eccellenza), Joseph Gandolfo, Vito Licari, Pietro Perrone e Giuseppe Licari (Seconda ctg), Samuele Galfano, Simone La Barbera junior e Vito Pedace (Terza ctg), Anna Maria Ferrara (Allievi Regionali) ed infine Michele Romeo e Calogero Risalvato (Serie D C5). Sono stati poi premiati per la fattiva e preziosa collaborazione gli osservatori OTS Salvatore Mangano, Matteo Bernardone e Vincenzo Morsello mentre un particolare premio alla carriera è stato consegnato all’arbitro CAN D Fabio De Pasquale.

Al termine Girlando ha consegnato al Presidente nazionale un bel quadro con la bandiera italiana con sovrapposta la foto di un giovanissimo Nicchi al debutto in Serie A. Dopo la cerimonia delle premiazioni la serata è continuata con la cena di gala presso il Circolo Canottieri di Marsala.

Rodolfo Puglisi

Nella foto, da sn. Cavarretta, D’Anna, Nicchi, Carini, Girlando, Morgana.