Esami di qualificazione per Osservatori Arbitrali

esami-osservatori-arbitrali

Il 20 marzo scorso la Sezione “Empedocle Mangione” di Agrigento ha ospitato gli esami di qualificazione alle funzioni di Osservatori Arbitrali, a cui hanno preso parte sedici candidati. La Commissione esaminatrice era formata dal Presidente CRA, Rosario D’Anna, dal Vice Responsabile del Settore Tecnico, area Sud, Antonino Zampaglione, dal Presidente della Sezione agrigentina, Armando Salvaggio, e dal componente CRA Salvatore Contino. I lavori si sono aperti nella mattinata con il saluto di Salvaggio, il quale ha ricordato come questi esami, che ammettono a svolgere la delicata funzione di Osservatore, siano effettuati per il secondo anno consecutivo proprio nella città dei Templi.

Quindi l’intervento del Presidente CRA D’Anna, che ha rimarcato l’importanza del ruolo dell’Osservatore, particolarmente delicato per la formazione degli arbitri, specie nei primi anni di attività di questi. Inoltre il CRA ha esortato i colleghi ad adottare un metro di valutazione che sia coerente ed uguale per l’intera stagione sportiva. Dopo un breve saluto di Contino, Zampaglione ha parlato del colloquio di fine gara tra l’arbitro e l’Osservatore, l’unica persona che nell’immediatezza della partita si reca dagli ufficiali di gara per parlare proprio dell’incontro. “Il colloquio – ha detto – è una comunicazione in cui si danno informazioni, ma deve essere partecipata con il dialogo. L’arbitro deve ritornare a casa con il concetto chiaro di quanto è accaduto sul terreno di gioco. Colui che non deve assolutamente sbagliare il colloquio è proprio l’Osservatore, che deve avere mente sgombra e grande equilibrio e non deve assumere un atteggiamento cattedratico”. Dopo la pausa pranzo consumato in un ristorante del vicino paese di Comitini, l’intero gruppo si è trasferito al campo sportivo di Favara per assistere alla gara di Allievi tra Favara e Gattopardo di Palma di Montechiaro. Arbitro il giovanissimo Davide Mongiovì della Sezione di Agrigento, per l’occasione “visionato” da una ventina di colleghi più anziani. Al termine della gara il rientro nei locali sezionali per la stesura della relazione ed il successivo colloquio individuale. Tutti i candidati sono risultati idonei a svolgere la funzione di Osservatore. Essi sono Giuseppe Finocchiaro, Giordano Marcello Gego, Giuseppe Gego e Paolo Monaco di Acireale, Rosario Didato di Agrigento, Daniele Napoli e Fabio Rapisarda di Catania, Francesco Occhipinti di Enna, Alberto Andò ed Antonio Visco di Messina, Stefano Cassarà e Giovanni Randisi di Palermo, Alessandro Boscarino e Giovanni De Felice di Siracusa, Vincenzo Ballo ed Angelo Genovese di Trapani. Presenti inoltre il Vice Presidente sezionale, Lillo Arena, il giovane collega Francesco Scibetta e Carmelo Gallo.

Rodolfo Puglisi