D’Anna: “Passione ed umiltà fanno la differenza”

Il-CRA-a-Ragusa

Ricca di contenuti e con argomenti e approfondimenti di carattere associativo e tecnico, la visita tenuta il 5 ottobre dal Presidente Regionale Rosario D’Anna alla Sezione di Ragusa, accompagnato dal segretario Salvo Di Marco e dal responsabile della Prima Categoria Vincenzo Zampardi, ha coinvolto tutti gli associati, dal più anziano al più giovane, con interventi interessanti e l’attenzione sempre alta.

Presenti all’incontro anche il Presidente provinciale FIGC Giuseppe Cicciarella, il Vice Presidente della Sezione Michele Tasca e il delegato regionale AIC Gino Giacchi.

Accolto dal Presidente della Sezione di Ragusa, Andrea Battaglia, che si è dichiarato soddisfatto dell’attenzione che il Presidente regionale e il Comitato hanno dedicato e dedicano alla Sezione, confermando con la loro presenza il legame con le singole realtà siciliane, il Presidente D’Anna ha tracciato ed esaminato le risultanze della forza arbitrale sezionale a disposizione del Comitato Regionale, sottolineando di ciascun associato ragusano oltre alle attuali valutazioni anche le eventuali prospettive e i punti di miglioramento.

“Rivedo con molto piacere in questa Sezione – ha dichiarato D’Anna – tanti colleghi anziani con la stessa passione, le stesse motivazioni di sempre, invariate, e in alcuni ancora la voglia di impegnarsi attivamente come sempre; da soli non si arriva da nessuna parte, uniti si può fare tutto, anche nelle piccole sezioni”.

Ha quindi sottolineato che la Sezione è il punto di partenza e di arrivo di ogni associato, tutti hanno bisogno delle sezioni, ma anche le sezioni hanno bisogno di tutti, anche di quelli che sono tra i maggiori critici dell’operato della dirigenza, “perché – ha ribadito – noi stiamo qui dietro al tavolo grazie a tutti voi, come noi lo abbiamo consentito ad altri prima; nella nostra associazione tutti hanno l’opportunità di dare il meglio di sé e di ricevere quanto meritano, se queste cose vengono fatte con passione e umiltà, doti che sono in grado di fare la differenza nel lungo percorso di crescita e formazione dell’arbitro”.

Ha poi delineato la situazione arbitrale della Sicilia, rilevando il particolare momento critico attuale che colpisce tutto il mondo del calcio e ha tracciato una sintesi di tutti questi anni di direzione al Comitato Regionale: “In questi anni ho rischiato molto – ha ribadito D’Anna – e ho fatto esordire in Promozione ed Eccellenza circa 180 giovani in quattro anni; ho anche mandato via 26 arbitri, per motivazioni diverse, e oggi sto lavorando con gente che è preparata atleticamente e che mette quella grande passione e volontà per andare avanti”.

Ha concluso dando le ultime direttive agli associati, toccando tantissimi temi, ribadendo l’importanza di scrivere bene il referto e inviarlo nei tempi richiesti, così il Giudice Sportivo non ha dubbi nel prendere le dovute decisioni, la frequenza in Sezione e la preparazione atletica.

2

Alla fine sono state consegnate da parte del Presidente Andrea Battaglia alcune targhe ad associati che si sono distinti nella stagione appena trascorsa, come D’Agosta, Denina, Burletti, Spata, e ad alcune aziende che grazie al loro contributo hanno permesso la realizzazione di eventi e manifestazioni.

Infine, la Sezione di Ragusa, il Consiglio Direttivo e il Presidente Battaglia hanno consegnato a D’Anna un ritratto dello stesso, un olio su tela eseguito da un pittore siciliano.

Giuseppe La Barbera

Nella foto: D’Anna mentre parla alla platea; seduti da sn. Di Marco, Battaglia e Zampardi.

Nell’altra foto, D’Anna mostra il suo ritratto, insieme a lui da sn. Battaglia, il neo referente regionale della rivista “l’Arbitro” Giuseppe La Barbera e Giacchi.