Visita del componente CAI, Giorgio Vitale ad Agrigento

giorgio-vitale-agrigento

Lo scorso venerdì primo ottobre, la sezione di Agrigento ha avuto l´onore ed il piacere di accogliere come graditissimo ospite Giorgio Vitale, componente della Commissione Arbitri Interregionali, diretta da Carlo Pacifici. Una giornata importante per gli associati agrigentini, che hanno risposto con la numerosa presenza e con entusiasmo alla Riunione Tecnica, seguendo con speciale interesse e partecipazione l´interessantissima lezione sugli aspetti tecnici e comportamentali dell´arbitro e degli assistenti arbitrali, nonché dell´osservatore arbitrale.

All´incontro erano presenti anche il componente del CRA Sicilia, Totò Contino, che ha portato il saluto del Presidente regionale, Saro D´Anna, il Presidente onorario della Sezione, Giuseppe Liberto, e Nino Alesi. Preliminarmente ha preso la parola il Presidente di Sezione, Armando Salvaggio, che si è soffermato sul curriculum dell´ospite invitando l´assemblea ad ascoltarlo per le sue capacità oratorie. Successivamente ha preso la parola Vitale, che con il suo intervento ha indicato gli elementi fondamentali per una valida prestazione arbitrale, quali la conoscenza del Regolamento del gioco del Calcio, saggiata anche con l´esercitazione continua nello svolgimento di quiz tecnici, che ormai rappresentano un momento importante per testare le capacità tecniche degli associati.

Un altro elemento basilare è la preparazione atletica, la cui attenzione nel curarla è un dovere dell´arbitro per avvicinarsi ad ottenere prestazioni ottimali, limitando pure gli errori spesso dovuti ad un cattivo posizionamento o ad una scarsa lucidità decisionale. Il componente CAI ha voluto anche rimarcare l´importanza della intelligenza tattica nel dirigere una gara, che con l´evoluzione del Calcio è diventata ormai una dote importante da possedere per potere arbitrare al meglio.

Vitale ha pertanto invitato gli arbitri ad essere duttili e camaleontici nel capire i cambiamenti agonistici nel corso della gara per meglio contribuire allo sviluppo del gioco, mettendo in atto un´adeguata prevenzione e adottando in modo tempestivo e deciso i provvedimenti disciplinari. Successivamente ha invitato gli assistenti arbitrali a costituire sul terreno di giuoco una squadra, curando in particolare il briefing pre-gara che costituisce un punto determinante per cementare l´intesa e l´efficacia della collaborazione.

Vitale, che alla CAI fa parte del gruppo che cura gli osservatori, infine ha spiegato il colloquio di fine gara tra l´osservatore arbitrale e l´arbitro, che deve essere costruttivo e trasparente e tale si deve mantenere anche nella stesura della relazione su quanto visionato, ampliando nel relazionare i vari aspetti che sono stati oggetto di colloquio con il direttore di gara ed i suoi assistenti e rileggendo la stessa prima di effettuare la spedizione. Gli associati della sezione di Agrigento hanno salutato con un caloroso applauso la conclusione dell´interessantissima e brillante lezione.

Roberto Drago

Nella foto, da sn. Liberto, Contino, Vitale, Salvaggio, Alesi.