Una terna ad Agrigento

terna-agrigento

Una terna della CAN nella Città dei templi. Lo scorso 30 marzo, infatti, sono stati ospiti della Sezione di Agrigento per una Riunione Tecnica l’arbitro Carmine Russo di Nola e gli assistenti Massimiliano Grilli di Gubbio e Michele Giordano di Caltanissetta. Il Presidente sezionale, Armando Salvaggio, non ha nascosto la sua contentezza per questa importante Riunione dovuta all’iniziativa presa dal Presidente dell’AIA Marcello Nicchi di far visitare le realtà periferiche agli arbitri della CAN, agli assistenti internazionali ed ai componenti gli Organi Tecnici nazionali.

“Stasera – ha detto Salvaggio – con la presenza di questa prestigiosa terna ci sentiamo in Serie A. Ai livelli massimi non ci si arriva per caso, ma ci vuole tanta passione verso l’attività, una solida preparazione, dei sacrifici ed anche un pizzico di fortuna. Oltre ai graditi ospiti desidero rivolgere un ringraziamento particolare al Presidente regionale, Rosario D’Anna, che malgrado i numerosi impegni è voluto essere presente stasera sottoponendosi ad un autentico tour de force”.

Dopo gli interventi del Delegato della FIGC di Agrigento, Salvatore Sajeva, che ha rimarcato come i rapporti tra la Federazione e la Sezione AIA siano idilliaci, e del Presidente della Sezione di Marsala, Biagio Girlando, da poco eletto rappresentante dei Presidenti di Sezione siciliani, è iniziata la Riunione tecnica in senso proprio con la trattazione di diversi argomenti da parte dei due assistenti, grazie anche al supporto della proiezione di alcune slide.

Giordano si è soffermato particolarmente sulla condizione atletica e sullo spostamento effettuato dall’Assistente Arbitrale, oltre che sulla concentrazione che deve essere massima per tutti i momenti di gara. L’assistente internazionale Grilli invece ha parlato specificatamente dei criteri di valutazione e della rilevazione dei fuorigioco.

Entrambi hanno poi parlato del rapporto arbitro – assistenti, del briefing pre gara, delle varie segnalazioni e di alcuni cenni convenzionali. Quindi Carmine Russo ha esaminato dei filmati di gare da lui dirette in Serie A, commentando anche con grande umiltà qualche errore compiuto, e spiegando soprattutto i rimedi per non commetterli in casi analoghi. In generale ha trattato sull’applicazione del Regolamento e sui provvedimenti disciplinari.

Al termine della lezione tecnica, è intervenuto il Presidente CRA, Rosario D’Anna, che dopo essersi complimentato con Salvaggio ed i suoi consiglieri per la perfetta organizzazione dell’evento, testimoniata dalla numerosa partecipazione in sala, ha ringraziato i colleghi per la loro chiarezza espositiva: “ Grazie a voi che siete degli esempi per i giovani arbitri – ha proseguito il CRA – questa lezione tecnica sul Regolamento e sulle funzioni degli Assistenti resterà impressa nei giovani colleghi, che sapranno ben cogliere i suggerimenti pratici dati”.

D’Anna, reduce dalla recente riunione del Consiglio centrale dell’AIA, ha accennato alla platea che significative novità sono previste per il funzionamento degli organi tecnici e che le illustrerà nel dettaglio nella prossima Consulta regionale prevista per il prossimo 17 aprile a Caltanissetta. La bella serata si è poi conclusa con la cena di gala. Erano presenti inoltre i componenti CRA Giuseppe Raciti, Giorgio Vitale, Salvatore Occhipinti e l’agrigentino Salvatore Contino ed il referente regionale per la Preparazione Atletica, Alessandro Magro.

Rodolfo Puglisi