Un arbitro il migliore in campo

Alberto-Fortunato-Sezione-di-Palermo

Un arbitro applaudito al termine della contesa. Succede anche questo in Sicilia negli infuocati campionati dilettantistici minori. Malgrado il direttore di gara in questione sia uno tra i più esperti e preparati tecnicamente ed atleticamente della regione, la notizia è tale proprio perché difficilmente l’arbitro riscuote unanimi consensi. Il fatto è accaduto domenica 11 dicembre 2011 al termine della gara di Seconda categoria tra Alì Terme e Polisportiva Antillese, uno dei tanti sentiti e animati derby tra squadre della fascia ionica messinese, disputato sul campo di Alì Terme. Una partita che sulla carta nascondeva molteplici insidie con un grado di difficoltà elevato. La gara ha avuto il risultato sempre in bilico con gli ospiti che sono passati in vantaggio nel primo tempo e che durante la ripresa sono stati dapprima raggiunti e poi superati con una rete nei minuti finali.

A fine gara, come ripreso dalla testata giornalistica sul web “SportJonico.it”, tutto il pubblico ha manifestato consensi per l’operato dell’arbitro, Alberto Fortunato della Sezione di Palermo; “Il migliore in campo, – scrive il corrispondente della gara, Carmelo Tringali – a detta di tutti, è stato il signor Alberto Fortunato della sezione di Palermo che ha diretto la gara in maniera encomiabile dimostrando professionalità e competenza….. La giacchetta nera palermitana ha fatto si che la gara si svolgesse nel più esemplare dei modi e si concludesse senza neanche un’ammonizione. Tanto che a fine gara tutto il pubblico lo ha applaudito e tutti i giocatori di ambedue le squadre sono entrati nel suo spogliatoio per complimentarsi con lui stringendogli la mano”.

Un evento straordinario dunque per quella che dovrebbe essere la normalità, e che speriamo lo diventi. Lo studioso Paul Ginsborg ha avuto modo di scrivere nel suo libro “L’Italia del tempo presente” che l’arbitraggio è “un compito assai arduo” e che sull’arbitro “gli spettatori possono riversare tutta la loro rabbia ed il loro disprezzo”. Malgrado queste indubbie predisposizioni d’animo dei “tifosi” italiani, è sintomatico che comunque vengano riconosciuti di tanto in tanto a qualche arbitro competenza, preparazione e professionalità.

Alberto Fortunato è nato ad Augusta, in provincia di Siracusa giorno 8 luglio 1975, diplomato all’ISEF, lavora da molti anni nel settore del fitness come fitness trainer; nel 1998 diventa arbitro ed esordisce nel campionato di Eccellenza nel dicembre 2002 nella gara Alcamo – Campobello di Mazara; ha collezionato oltre 50 gare in Eccellenza, quasi 150 in Promozione ed oltre 300 in Prima categoria. Sempre pronto e disponibile, si segnala per la passione e le continue motivazioni verso l’attività.

Rodolfo Puglisi