La scomparsa dell’ex Presidente Riccardo La Ciura

Riccardo-La-Ciura

Dopo una lunga malattia, si è spento a 68 anni il giudice sportivo della delegazione provinciale FIGC di Ragusa, Riccardo La Ciura, per tanti anni arbitro della sezione di Ragusa nella quale, nella sua lunga carriera, ricoprì numerosi e importanti incarichi. Era nato a Ispica nel 1943 ed entrò come aspirante arbitro nel 1964 a 21 anni. Nel 1971 fu inquadrato come guardalinee alla Commissione Arbitri Semiprofessionisti e dal 1973 fino al 1980 operò come guardalinee in serie B. Osservatore dal 1981, fu dapprima componente del consiglio direttivo, vicepresidente e, dal 1984 al 1990 presidente della sezione di Ragusa. Arbitro benemerito dal 1987, era giudice sportivo della delegazione provinciale dal 1992.

Da presidente e associato della sezione AIA di Ragusa si impegnò molto nel reclutamento e nella formazione dei giovani arbitri, seguendone con particolare interesse i loro percorsi sportivi, tra cui spicca certamente l’esordio in CAN-C dell’arbitro Vincenzo Morello durante la sua presidenza, e gli esordi nella CAN-D Scambi dell’arbitro Giuseppe Amore di Modica e dei guardalinee Luigi Gambuzza, Salvatore Scimone e Andrea Battaglia alla CAN-D.

“E’ una grave perdita per la nostra associazione e per il calcio della nostra provincia – dichiara il presidente della sezione AIA di Ragusa, Andrea Battaglia, che è stato segretario di sezione quando La Ciura era presidente – ed erano encomiabili i suoi rapporti e la sua attenzione con tutti gli associati e con i più giovani, anche quando ricoprì l’incarico di giudice sportivo”.

Anche il Presidente regionale Rosario D’Anna, a nome proprio e di tutto il Comitato Regionale Arbitri, ricordando l’amico La Ciura si associa al dolore della sua famiglia e dei colleghi ragusani.

Giuseppe La Barbera

Nella foto, Riccardo La Ciura quando operava come guardalinee.