La prima Consulta della stagione

Consulta-Regionale

Un appuntamento consolidato oramai in ogni raduno di inizio stagione è la riunione della Consulta regionale, la prima della nuova annata durante la quale ci si confronta e si stabiliscono le direttive tecniche ed associative alle quali uniformarsi per i prossimi dodici mesi. Giorno 5 settembre, pertanto, a margine della lunga teoria di raduni regionali, si è tenuta quest’importante assise alla quale ha partecipato il componente del Comitato nazionale dell’AIA Umberto Carbonari.

Ha aperto la seduta il Presidente regionale Giuseppe Raciti, che dopo aver salutato l’ospite, ha presentato a questi tutti i partecipanti; oltre ai Presidenti di Sezione ed ai componenti del Comitato, tra i quali alcune new entry come il Vice Presidente Armando Salvaggio, Michele Giordano, Salvatore Marano e Bruno Rizzo, erano presenti anche il Sostituto Procuratore Arbitrale per la Sicilia, Giuseppe Giaimo, il referente regionale della Commissione Esperti Legali, Vincenzo Cascone, ed il componente della CAN D Michele Cavarretta.

La proficua riunione è servita anche per stilare un bilancio della passata stagione che ha visto dopo alcuni anni la promozione nelle massime categorie nazionali di un arbitro, Francesco Saia di Palermo, e di un assistente, Antonino Santoro di Catania, alla CAN B, come ha rimarcato il Presidente Raciti.

Il Presidente Raciti, in virtù anche di questi risultati tecnici importanti per la regione, ha chiesto ai Presidenti di Sezioni di non stancarsi nel fare opera di talent scout nel ricercare e far crescere speditamente ragazzini che abbiano qualità e passione, segnalandoli alla fine del loro percorso formativo in Sezione in giovanissima età all’Organo Tecnico Regionale.

Sono state poi affrontate anche tematiche di natura associativa; tra queste una l’ha sollevata Giaimo, che si è soffermato sul potenziale uso distorto di alcuni social network da parte specialmente dei colleghi giovanissimi che possono incorrere in violazioni dell’art. 40 dello Statuto dell’AIA. Sono stati quindi sensibilizzati i Presidenti di Sezione a fare opera divulgativa in tal senso verso i ragazzi ai primi anni di tessera.

Umberto Carbonari, nel prendere nota di tutte le questioni discusse, ha esaustivamente riportato come l’AIA nei suoi vertici dirigenziali, Presidente Nicchi in testa, abbia affrontato e stia affrontando e risolvendo tante questioni che interessano la base dell’Associazione, in concreto migliaia di ragazzi che sono senz’altro un patrimonio dell’AIA, ma anche della Società.

In seno alla Consulta poi i Presidenti di Sezione hanno eletto colui che li rappresenterà al Consiglio Centrale e che sostituisce Biagio Girlando, Presidente della Sezione di Marsala, che per cinque anni ha mantenuto questa carica. All’unanimità la scelta è ricaduta su Andrea Battaglia della Sezione di Ragusa.

In questa sede vi è stata l’occasione pure della consegna, da parte di Raciti e Carbonari, della pergamena a Cirino Longo, della Sezione di Catania, quale miglior Presidente di Sezione regionale della trascorsa stagione, indicato dal Comitato Regionale Arbitri e dai presidenti di Sezione.

Giuseppe La Barbera