Il Raduno provinciale del Calcio a 5 della Sez. di Palermo

Raduno-C5-Sez.-di-Palermo

Nell’incantevole location delle Officine Baronali, si è tenuto domenica 14 ottobre 2012 il Raduno precampionato O.T.S. degli Arbitri ed Osservatori di Calcio a 5 della Sezione di Palermo.

Dopo l’apertura dei lavori in seduta plenaria unitamente ai colleghi del calcio a 11, il gruppo del “futsal” si è trasferito in una sala attigua, dove il nuovo delegato provinciale C/5, Aurelio Spallina, ed il responsabile della formazione di arbitri ed osservatori, Antonino Ignazzitto, hanno accolto i partecipanti e gli illustri ospiti presenti.

Tra questi una menzione particolare è stata riservata a Salvatore Lombardo che ha rivestito nelle ultime due stagioni la carica di delegato provinciale C/5 e che ha avuto recentemente la nomina a componente del Settore Tecnico Arbitrale nell’ambito del C/5.

In seguito hanno presola parola Dario Pizzo, osservatore alla CAN 5 ed il Componente del Comitato Regionale Arbitri, responsabile degli osservatori C/5, Luigi Pillitteri, che ha portato il saluto del Presidente regionale Rosario D’Anna.

Entrambi hanno rivolto un saluto ai presenti e, rivolgendosi in particolare agli osservatori, li hanno esortati ad un impegno ancor più deciso nell’espletamento della loro attività, ricordando il ruolo delicato e fondamentale per la crescita dei giovani arbitri.

Dopo i saluti e la presentazione di rito, il nuovo delegato provinciale Aurelio Spallina (già Osservatore alla CAN 5, premiato come miglior osservatore nazionale nella stagione 2006-2007) ha immediatamente catturato l’attenzione dei presenti fornendo le disposizioni regolamentari, in particolare quelle inerenti la nuova Circolare e le consuete raccomandazioni di carattere comportamentale a cui tutti quanti devono attenersi per ben figurare, non solo sul terreno di gioco ma anche nei momenti precedenti e successivi la gara.

Infine, il responsabile della formazione Antonino Ignazzitto si è avvalso del supporto di alcune slides  per meglio chiarire determinate circostanze di gioco e per espletare i quiz tecnici secondo le nuove direttive impartite dal settore tecnico.

La bassa percentuale di errore ha ampiamente soddisfatto il Presidente sezionale Fabio Cigna e i responsabili del “futsal” palermitano, segno di una profonda conoscenza del regolamento da parte degli arbitri e degli osservatori arbitrali.