Il Corso di aggiornamento per gli Osservatori Arbitrali

Aggiornamento-per-gli-Osservatori-Arbitrali

Nei giorni 20 e 21 aprile si è tenuto il Corso di formazione ed aggiornamento per Osservatori Arbitrali a disposizione degli Organi Tecnici Sezionali e Regionali di Sicilia e Calabria. Appuntamento per tutti i venticinque convocati, tra cui una donna, Mariantonia Carrera della Sezione di Cosenza, presso una struttura alberghiera di Nicolosi, paese alle pendici dell’Etna, dove nella mattinata del primo dei due giorni sono iniziati i lavori.

La Commissione d’esame era composta dal componente del Comitato Nazionale dell’AIA Alberto Zaroli quale Presidente e da Luca Gaggero di Savona e Lorenzo Bonello di Imperia del Settore Tecnico, dal Presidente del CRA Calabria Stefano Archinà e dal Commissario Straordinario del CRA Sicilia Giuseppe Raciti.

L’organizzazione, a cura del CRA Sicilia, si è avvalsa anche dell’opera dei componenti del CRA Sicilia Salvatore Occhipinti, Orazio Postorino, Salvo Di Marco, del collaboratore Antonino Taranto e del collaboratore del CRA Calabria Natale Colella.

Sono stati discussi tutti gli elementi qualificanti del ruolo del moderno osservatore, e la sua delicata funzione. Al termine della mattinata gli esaminandi sono stati sottoposti alla verifica tecnica con appositi quiz predisposti dal Settore Tecnico.

Nel pomeriggio, poi, la visionatura collettiva dagli spalti dello stadio del vicino paese di Pedara per la gara di Play Off di Prima Categoria tra Atletico Pedara e Trecastagni diretta da Alessio Boscarino di Siracusa.

Al termine, rientro in albergo e stesura della relazione, mentre l’Etna si faceva sentire con forti boati durante una delle fasi parossistiche che da qualche tempo si succedono con frequenza.

L’indomani i colloqui individuali hanno concluso l’intensa due giorni di lavoro.

Giuseppe La Barbera

Nella foto, alcuni osservatori in tribuna.

Nelle altre foto: la Commissione, da sn. Archinà, Gaggero, Zaroli, Bonello e Raciti; alcune fasi della stesura del rapporto; Occhipinti, in piedi, e Di Marco; Zaroli durante il suo intervento.