Il componente CAI Francesco Natilla a Barcellona P.G.

natilla-a-barcellona

Un sabato, il 17 aprile scorso, trascorso all’insegna della formazione e della conoscenza dagli associati di Barcellona, che hanno ospitato nella propri locali sezionali Francesco Natilla, appartenente alla Sezione di Molfetta e componente della Commissione Arbitri Interregionale.

L’incontro rientrava nel quadro delle riunioni tecniche tenute dagli arbitri alla CAN, dagli assistenti internazionali e dai responsabili e componenti degli Organi Tecnici Nazionali in tutte le 212 Sezioni d’Italia, così come voluto dal Comitato Nazionale dell’AIA su invito del Presidente, Marcello Nicchi, con lo scopo di riavvicinare alla base dell’Associazione i propri vertici tecnici.

Ha aperto la serata il Presidente Ugo Alberto, reduce dalla riunione della Consulta regionale tenutasi in giornata a Caltanissetta, che ha ringraziato l’AIA per questa opportunità di crescita per i giovani colleghi, messi a confronto con arbitri e dirigenti più esperti e di livello nazionale. Natilla, che nella CAI è il responsabile degli Osservatori Arbitrali, ha poi intrattenuto per un’ora circa l’affollata platea sui vari aspetti della Relazione dell’Osservatore Arbitrale.

Con l’ausilio anche di interessanti ed esaustive slide, il componente CAI si è soffermato sui singoli aspetti valutativi, analizzando i contenuti dei vari punti, l’importanza delle crocettature e l’attenzione da porre nel segnarle badando poi di non scrivere frasi discordanti nelle considerazioni. Natilla si è soffermato sulla futuribilità e sulla votazione, indicando la soglia minima perché un arbitro possa essere idoneo, a giudizio dell’OA, ad essere impegnato in gare di livello superiore o nella categoria successiva. La serata si è piacevolmente conclusa in un noto ristorante locale con una simpatica cena conviviale a cui hanno partecipato parecchi colleghi.

Rodolfo Puglisi