Esordio in Promozione per Pierfrancesco Visalli

Pierfrancesco-Visalli

Pierfrancesco, hai esordito in Promozione. Che sensazioni hai provato?
Il mio debutto in questo nuovo palcoscenico è stato più emozionante di quanto pensassi grazie all’attuale CRA, D’Anna, che mi ha dato l’opportunità di arbitrare al Comunale di Trapani. Quando il martedi ho letto "Sei stato designato per la gara di Promozione", ho pensato che fosse arrivata la ricompensa per tanti sacrifici.

Purtroppo, dato che sono un ragazzo emotivo, i primi 20 minuti ero un po’ disorientato, sia per il meraviglioso impianto che per i 400 spettatori seduti in tribuna. Poi però ho arbitrato come so e la partita si è conclusa 2-0 per la società Valderice. Comunque la Promozione per me non è un traguardo, ma solo una tappa della mia carriera arbitrale.

Da quando arbitri?
Arbitro dalla stagione 2005/2006. Ho iniziato all’età di 18 anni.

Come è stato il rapporto con gli Assistenti?
Più facile del previsto: vuoi perché ho avuto due assistenti con indubbie capacità, vuoi perché la settimana precedente ho arbitrato nel torneo Berretti e quindi avevo già cominciato ad attuare il tipo di spostamento che dovevo effettuare per una buona collaborazione con loro.
C’è qualcuno che vuoi ringraziare per la tua carriera arbitrale sin qui?

Sembra una frase di circostanza ma è la verità: il mio ringraziamento va innanzitutto al Presidente della mia Sezione, Orazio Postorino, ai suoi collaboratori ed a tutti i componenti del CRA, che hanno creduto in me. Ma non mi posso certamente limitare a loro. Ringrazio la mia famiglia che mi ha sostenuto e incoraggiato nei momenti difficili, durante i vari infortuni che ho subito in questi anni; ringrazio Enzo Meli ed i miei colleghi, soprattutto Alessio Robberto, Andrea Naccari, Davide Bottari e Pasquale Caruso, che durante gli allenamenti mi seguono e consigliano. Sicuramente molte sono le persone che non ho nominato, ma il mio ringraziamento glielo porgo ogni giorno con la stima ed il rispetto che ho per loro.