Danilo Giannoccaro: «Prepararsi all’imprevisto»

1Sezione di Palermo:
Ospite della recente riunione tecnica plenaria, il Commissario CAN Pro Antonio Danilo Giannoccaro ha intrattenuto la gremita platea della Sala Riunioni “Vittorio De Seta” dei Cantieri Culturali alla Zisa, con una lezione incentrata sui tre aspetti fondamentali dell’arbitro moderno: la preparazione atletico-tattica, la conoscenza regolamentare e della casistica tecnica e, come ama definirla lui, la “testa”, che, se usata bene, ci consente di essere sempre “uno step avanti” rispetto agli eventi ed ai momenti di una gara.
Accolto dall’affettuoso saluto di due compagni di viaggio, il Vice Presidente del Comitato Regionale Arbitri Sicilia Giuseppe Canzone, ex osservatore CAN A, che ne ha elogiato la grande competenza professionale e la profonda umiltà, e da Michele Giordano, componente CRA ed ex assistente CAN A con oltre 140 partite nel massimo campionato, di cui ha ricordato la passione e la dedizione profuse nei suoi dieci anni di Serie A, Giannoccaro ha accompagnato il suo intervento con una serie di filmati di Lega Pro, offrendo importanti spunti di riflessione e di confronto tecnico.
Citando il famoso assioma di Edward Murphy, «se qualcosa può andar male, andrà male», il relatore ha ricordato agli arbitri l’importanza di prepararsi all’imprevisto, di non lasciare nulla al caso, poiché basta davvero un attimo per «perdere la nostra partita».
Giannoccaro ha reso omaggio ai tre associati palermitani appena insigniti del prestigioso riconoscimento della “benemerenza”: Marco Piazza, Renato Cricchio e Giovanni Sebastiano Pedicone, cui è stato tributato un grande applauso da parte dei giovani arbitri presenti. La serata è proseguita con la cena presso un ristorante della città.

In alto, da sn Cigna, Giordano, Canzone e Giannoccaro.
In basso: il Presidente della Sezione di Palermo Cigna e Giannoccaro; da sn. Cigna, l’assistente Matteo Guddo e Giannoccaro; da sn Giannoccaro, il Vice Presidente della Sezione di Enna Barbarino, Cigna ed il Presidente della Sezione di Catania Longo.

2 3 4 5